Promuove e distribuisce tecnologie per l'edilizia specializzata
offrendo un servizio di consulenza progettuale,
valutazioni tecniche d'intervento e
assistenza in cantiere.

RIPRISTINO SOLAIO SFONDELLATO - FELTRE (BL)

Lo sfondellamento dei solai è il distacco e la successiva caduta delle cartelle inferiori dei blocchi di alleggerimento inseriti nei solai misti in latero-cemento.
Lo sfondellamento non costituisce un rischio alla stabilità strutturale, tuttavia il distacco di porzioni di intonaco e laterizio può comunque arrecare danni a cose e persone.

Cause

In alcuni casi il sovrappeso, alcune destinazioni d’uso, la qualità dei manufatti e l’età degli edifici possono determinare tensioni, compressioni o dilatazioni che sollecitano i solai.
Tali fenomeni possono manifestarsi con crepe, incrinature e fessurazioni che possono essere localizzate, diffuse o addirittura provocare cedimenti e crolli.
In alcuni casi le infiltrazioni sono uno dei fattori scatenanti del fenomeno dello sfondellamento perché saturando d’acqua la soletta creano dilatazione nei laterizi.
La dilatazione può trasformarsi in compressione tra il laterizio e i travetti in cemento armato.
Gli elementi sottoposti alle sollecitazioni possono innescare un invecchiamento precoce dell’intradosso del solai
Da non trascurare è anche l’effetto negativo dell’acqua sui ferri d’armatura dei travetti che accelera l’insorgere di ossidazione corrosiva: “ruggine” che, a sua volta, influisce sulla base delle pignatte e talvolta sulla rigidezza stessa dell’impalcato.

Ciclo d’intervento
• Diagnosi e monitoraggio del solaio mediante prove non distruttive e speciali strumentazioni
• Ripristino ove necessario della sagoma dei travetti degradati in precompresso mediante il seguente ciclo di intervento: rialcalinizzante-passivante-anticorrosivo-malta cementizia tixotropica e ritiro controllato
• Esecuzione delle perforazioni nella parte centrale dei travetti distanti tra di loro di 50 cm.
• Gli stessi saranno riempiti con resina poliestere in cartuccia e subito saranno fissati in essi,degli spezzoni di ferro ad aderenza migliorata del diametro di mm. 8 piegati ad “L”, con la parte piegata parallela al solaio.
• Lungo tutto il perimetro di appoggio del solaio, saranno eseguite le perforazioni distanti tra di loro di cm. 50. Gli stessi saranno riempiti con resina poliestere in cartuccia e subito dopo fissati in essi, per tutta la profondità del foro da una parete all’ altra passante sui ganci ad “L”, le barre di ferro ad aderenza migliorata del diametro12mm.
• Alla armatura di ferro realizzata, sarà ancorata con filo di ferro, opportunamente sagomato, una maglia di rete del diametro di mm. 6 e di maglia cm. 10 x 10 o pernevometal, rete ricavata dalla lavorazione di lamiera in acciaio, inox, nervata e stirata.
• Realizzazione a ridosso del solaio, di un betoncino strutturale realizzato con la malta cementizia tixotropica, antiritiro.

Materiali utilizzati
CONSILEX SAN rialcalinizzante
REPAR STEEL trattamento passivante per ferri d’armo
PROFIX resina poliestere specifica per inserti d’armatura per riprese strutturali
REPAR TIX malta a ritiro controllato, fibrorinforzata, reoplastica